LE 3 AZIONI DI CRYOBACK3*

Cryoback Cryo Lipo

DISTRUGGE LE CELLULE ADIPOSE

SCOPRI IL SUO MECCANISMO D’AZIONE
Cryoback Cryo Stim

ATTIVATORE
METABOLICO

SCOPRI IL SUO MECCANISMO D’AZIONE

RIGENERATORE
CELLULARE

SCOPRI IL SUO MECCANISMO D’AZIONE

1 CRYO*LIPO distrugge le cellule adipose

La medicina estetica si è evoluta per migliorare la sua efficacia, rispettare sempre di più il corpo umano e migliorare la sua rapidità di azione.
L’obiettivo della lipolisi è la distruzione e l’eliminazione delle cellule adipose tramite la terapia del freddo al fine di ridisegnare la silhouette del paziente.
Il metodo è basato sul raffreddamento controllato delle cellule adipose, che porta alla cristallizzazione del lipide. Le cellule adipose ricevono un segnale, che innesca la loro estinzione graduale (apoptosi). Nel corso del tempo, il corpo elimina le cellule danneggiate e i lipidi, che vengono rilasciati da queste cellule. Lo strato di grasso profondo viene rimodellato e ridotto.

Una temperatura mirata all’eliminazione delle cellule

Le cellule adipose sono più sensibili alle variazioni di temperatura rispetto agli altri tessuti del corpo e in particolare alla loro distruzione in seguito all’esposizione prolungata ad una temperatura di 0-4°C.
Questo intervallo di temperatura non provoca lesioni su altri tessuti biologici ma al massimo un rallentamento dell’attività metabolica e circolatoria che è controllata dalla stimolazione muscolare.

Studi clinici hanno dimostrato una perdita di oltre il 25% delle cellule adipose.

Studi clinici hanno dimostrato che il processo controllato di distruzione delle cellule adipose è graduale e sicuro. Una sola applicazione può portare a una perdita del 25-30% delle cellule adipose di un individuo e il risultato è chiaramente visibile già dopo uno o due mesi. E’soprattutto permantente perchè il deposito delle cellule adipose sulla zona trattata non è più possibile.

Traitement cryolipolyse

2 CRYO*STIM attivatore metabolico

CRYO-STIM brucia le calorie localmente stimolando l’attività muscolare , rafforzando la circolazione sanguigna e i tessuti. Il risultato è la riduzione immediata delle dimensioni durante la sessione. L’attività dei tessuti muscolari sotto-cutanei facilita la rimozione dal corpo delle cellule adipose degradate.

CRYO*STIM protegge il corpo

Esso genera degli impulsi EMS che stimolano i muscoli durante l’applicazione prolungata del trattamento crio in una parte del corpo. L’obiettivo è quello di mantenere il metabolismo per evitare la necrosi dei tessuti biologici aggrediti dalla criolipolisi.
Gli impulsi vengono inviati per mezzo di elettrodi integrati nei PADS della criolipolisi, in prossimità dell’area trattata. Vi sono più di 6 programmi le cui frequenze offrono un’azione profonda tra la pelle e i muscoli, e un trattamento rilassante e stimolante.

3 CRYO*PULSE  rigeneratore cellulare

I principi attivi vengono introdotti negli strati cutanei con l’aiuto di una corrente pulsata. Con questo metodo, gli strati sottocutanei assimilano tra l’ 80% -90% di principi attivi, che corrisponde a un tasso di penetrazione dal 200 al 300%, superiore rispetto ai trattamenti tradizionali.

La corrente pulsata rafforza la penetrazione dei principi attivi applicati sulla pelle del paziente. Attraverso l’applicazione del freddo intenso, la sensibilità della pelle è ridotta e diventa permeabile, favorendo così il passaggio dei principi attivi negli strati più profondi della pelle.
Il trattamento è in grado di attivare anche il tessuto adiacente e fermare il cambiamento della pelle mentre elimina le tossine.

Il trattamento per il paziente è molto piacevole e indolore, e dura dai 15 ai 30 minuti a seconda della grandezza della zona da trattare.

Un intervallo di temperature dedicato alla penetrazione dei principi attivi.

La temperatura della pelle trattata è compresa tra -10 ° C e 0 ° C, non si avverte alcuna senzazione di calore o di bruciore durante il trattamento. Il raffreddamento della pelle conduce alla vasocostrizione (vasocostrizione) che permette di concentrare le sostanze attive che non vengono trasportate nel sangue, portando ad un trattamento molto più localizzato ed efficace.
Il contributo del freddo consente una maggiore potenza dell’energia dell’impulso, quindi, il risultato è più rapido e intenso.